– Cosa sarebbe il Condotto “C” – domandò.

– È il solito eufemismo, ragazzo mio. La denominazione completa è: Condotto per Cadaveri. È un argomento sul quale si tace, in genere, ma tutte le astronavi ne hanno uno, nella cabina principale. Sono piccole camere di decompressione automatiche, nelle quali si lascia scivolare il cadavere, quando c’è un morto a bordo. Sepoltura nello spazio. Atmosfera solenne, di circostanza, e il capitano che fa un bel discorso..

– Dovremmo servirci di quello, per lasciare la nave?

– Perché no? Superstizioso?…

– Una volta all’esterno, si potrebbe rientrare nell’astronave attraverso i tubi di scarico del vapore. È una cosa che si può fare… con un po’ di fortuna. E se si riesce, si arriva inaspettati nella cabina di comando.1

Condotto C è uno spazio espositivo non convenzionale nato nel 2008 in periferia per promuovere la sperimentazione.

 si trova in via  Filippo Re 8a, a Roma nel quartiere Quadraro.

lungo 16 metri e largo 2,40.

CondottoC nasce da un iniziativa di Marco Bernardi (artista)Chiara Girolomini (coreografa), Fabrizio Pizzuto (curatore).

Ha previsto nel tempo molti collaboratori.

Flaminia Masotti cura l’ufficio stampa.

[1] Isaac Asimov, Condotto C, Arnoldo Mondadori Editore, prima ediz 1991, titolo originale C-Chute, 1951.

Condotto C is an open cooperative, involving artists, graphic artists,curators, choreographers, photographers and others who operate and combine forces at “Condotto C” (the so called C-Chute to paraphrase the Asimov story), so that it becomes a space for parallel projects; an unofficial or experimental extension of their artistic activities. We don’t agree with facile categorizations, and our freeform and horizontal configuration preserves us from fixed roles and generalizations. We won’t have fixed rules and we will be open to a wide range of activities, from installations, to the ephemeral event, to performances, to dance as well as debates and theatre. No door is ever shut. The mainstays of our philosophy will be mobility and flexibility. Therefore we will exist merely as a space: a 16 by 2.4 meter C-Chute. As is the Asimov story, the chute represents for us an escape route, where art can be a little more daring. We aim to make an impact and inspire, we believe there is much room for experimentation. The artist will be able to work in complete freedom; creating works that stray from his or her usual modus operandi. An improbable performance, perhaps, or a parallel project, or other ideas to evaluate. Inside the space, the imperative is to collaborate, via works-in-progress, unofficial projects designed for the Chute. The cooperative will decide whether or not to propel the project into the space.

Via filippo re 8a – 00175  Roma

 info@condottoc.com

+39 347 9257895 +39 328 3914501